My CMS | Cuore e tamburo i due battiti della vita
1901
post-template-default,single,single-post,postid-1901,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Cuore e tamburo i due battiti della vita

Esperienza di scoperta e creazione del tamburo sciamanico

13-14 ottobre 2018


Il tamburo sciamanico, per i popoli che lo utilizzano, è un essere vivente, un compagno di vita, che incarna uno spirito già esistente e con il quale noi possiamo fare un incontro, ma su cui, in un certo senso, non abbiamo potere di dirigere. Il tamburo è di per sé portatore di uno respiro e di un messaggio nel nostro cammino e ci invita ad aprirci a ciò che è. 
Non si tratta di un mero strumento musicale; il tamburo sciamanico è una sorta di “attivatore” di frequenze nell'ambiente esterno ed interno al nostro corpo che ci connettono con dimensioni differenti da quella che ci accorgiamo di vivere e ci guariscono. 
Per incontrare lo spirito che ci guiderà nella realizzazione del nostro tamburo sarà necessario aprirsi alla “visione”, al messaggio che in questo momento caratterizza la nostra congiunzione con queste altre dimensioni dell'essere. 
Ogni singola fase del processo di conoscenza e costruzione del tamburo viene connotata da elementi magici e simbolici di alto valore. Lo stesso processo di incontro della pelle dell'animale e del cerchio su cui la monteremo è un momento suggestivo di accettazione di ciò che è e di scoperta di significati nuovi agli eventi che ci accadono. 
Nel corso di queste giornate affiancheremo alla procedura di composizione e costruzione del tamburo una serie di attività di ricerca interiore, meditazioni, cerchi di parola, sessioni di co-ascolto, momenti di connessione con se stessi e con il resto della Creazione, per far sì che il tamburo possa portare nella nostra vita una direzione chiara e una guarigione autentica. 
Sarà come un viaggio, che ci consentirà di comprendere, attraverso il battito del cuore impersonato dal tamburo, cosa possiamo lasciare, cosa possiamo integrare e quale versione di noi stessi incarniamo ora nella nostra vita. 
L'esperienza è facilitata da Igor Niego 

Artisti e musicista, formatore, MusicArTerapeuta nella Globalità dei Linguaggi, attivatore e facilitatore di cerchi di uomini sulla fratellanza e la maturità maschile, viaggiatore, walkouts, ricercatore, accompagnatore di bambini e genitori. 
Igor si considera un libero esploratore nell'aspetto della musica che, fin dalla preistoria, aiuta l'uomo nel conseguimento della gioia di vivere e della consapevolezza. 
Come musicista ha approfondito soprattutto la musica modale di trasmissione orale dei popoli dell'area mediterranea e balcanica; si dedica da venticinque anni allo studio e all'esecuzione della musica medievale europea. Suona ed insegna strumenti a percussione (tamburello, tammorra, darbouka, def, riq...) e a fiato (cornamuse balcaniche e galiziana, clarinetto, ney, kaval...). 
Nato e cresciuto a Napoli, ha condotto approfondite ricerche e studi sul tamburo sciamanico locale, la tammorra, apprendendone tecnica e segreti direttamente dai portatori della tradizione dell'area vesuviana. 
Costruttore di tamburi da oltre vent'anni, si è avvicinato al tamburo sciamanico di tradizione nativa americana durante il suo percorso di approfondimento spirituale e ricerca interiore. 
Conduce con altri tre formatori il percorso di disapprendimento per adult@ “Disimparando s'impara”. 
Ha fondato l'organismo “BradoSisma” con cui effettua ricerca e pratica sul selvatico e il pensiero analogico legate alla pedagogia. 
Lavora da quindici anni nelle scuole pubbliche proponendo laboratori espressivi e musicali

Per Informazioni organizzative e logistiche contattare Francesca al 3348016280

Per informazioni relative all’incontro contattare Igor al 3331340497


 

No Comments

Post A Comment